senza titolo
1 / 15 ◄   ► ◄  1 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
sguardo rubato
2 / 15 ◄   ► ◄  2 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
sguardo rubato
la giusta direzione
3 / 15 ◄   ► ◄  3 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
la giusta direzione
dal podestà
4 / 15 ◄   ► ◄  4 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
dal podestà
senza titolo
5 / 15 ◄   ► ◄  5 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
senza titolo
6 / 15 ◄   ► ◄  6 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
senza titolo
7 / 15 ◄   ► ◄  7 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
senza titolo
8 / 15 ◄   ► ◄  8 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
senza titolo
9 / 15 ◄   ► ◄  9 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
senza titolo
10 / 15 ◄   ► ◄  10 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
senza titolo
11 / 15 ◄   ► ◄  11 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
senza titolo
12 / 15 ◄   ► ◄  12 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
senza titolo
13 / 15 ◄   ► ◄  13 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
serenata sotto la croce
14 / 15 ◄   ► ◄  14 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
serenata sotto la croce
ultimo barbiere
15 / 15 ◄   ► ◄  15 / 15  ► pause play enlarge slideshowhd
ultimo barbiere

incontri

ôLa fotografia in bianco e nero porta con sé un peculiare fascino che risiede nel rapporto di intervallo con la realtà. Noi «guardiamo » a colori ma quando «vediamo », quando cioè percepiamo davvero quello che osserviamo, il nostro vedere assume un tempo diverso. È il tempo della riflessione, della meditazione. Il nostro sguardo diventa uno sguardo interiorizzato. ô (Gianluigi Colin)
loading